Commenti

“Ho incontrato il metodo Feldenkrais per puro caso… Per un fastidioso dolore alla schiena nella zona lombare mi sono rivolta al metodo. Avevo avuto delle precedenti esperienze di fisioterapia in cui mi ero sottoposta a movimenti e manipolazioni molto forti. Qui ho trovato qualcosa di profondamente diverso… Quello che mi ha sorpresa di più è stato capire il tipo di approccio che questo metodo propone: non si è un soggetto passivo da manipolare, ma si viene aiutati a riscoprire determinati movimenti. È come se il cervello dovesse reimparare che ci si può muovere anche in modo diverso da come siamo abituati e che non vi è nulla di giusto o sbagliato a prescindere… Da questa esperienza sento quindi di aver acquisito una diversa consapevolezza del mio corpo e la curiosità di sperimentare movimenti e posture nuovi senza preconcetti.” – R.A.
 
“…ho piacere di ringraziarti per il trattamento integrativo fatto di recente. Ho avuto un notevole beneficio. Sono sempre molto contenta del metodo Feldenkrais perché è l’unico fra i molti provati che mi soddisfa veramente. Nel corso degli anni ho imparato a conoscere il mio corpo e di come comportarmi di fronte alle difficoltà nel camminare, nello stare seduta, nel respirare, ect. Ora la mia respirazione è più naturale e rilassata e cammino senza tanta fatica e dolori ai piedi come avevo sempre. Che meraviglia!!! Ho ancora molto da imparare ma sono molto contenta perché col metodo Feldenkrais poco alla volta conosco sempre più il mio corpo, e la conoscenza mi permette di correggere le posizioni sbagliate che mi causano dolori articolari ed altro.
Grazie mille…” – A.M.Z.
 
“…l’aiuto attraverso il metodo Feldenkrais è stato come avermi consegnato le chiavi giuste per aprire una porta che stava chiusa davanti a me. Ho avuto cosi la possibilità di avere la consapevolezza che alcune parti del corpo se sollecitate con una guida esperta e competente come sei tu, possono avere un ruolo positivo sia dal punto di vista fisico che mentale. Anche se la strada è ancora lunga sono fiduciosa che con il tuo aiuto potrò ancora migliorare nell’ascolto del mio corpo e della mia mente.” – E.A.
 
“L’ora di Feldenkrais: per me il punto è la profonda concentrazione introspettiva sui propri movimenti e su di sé ma accettando con fiducia la guida di un’altra persona (l’insegnante). Penso che sia la relazione tra questi due fattori che permette la “scoperta”. Forse i medesimi movimenti compiuti da soli, senza guida esterna, manterrebbero la dimensione introspettiva ma perderebbero la sorpresa della scoperta.” – M.I.